Assegnazioni provvisorie 2018: requisiti, preferenze, precedenze
29 giugno 2018
Concorso 2018: le contraddizioni del FIT per i docenti di ruolo
4 luglio 2018

Concorsi scuola docenti 2019 addio: via a quelli regionali

Come previsto e prevedibile, subiranno dei ritardi e dei rinvii i concorsi scuola per i docenti preventivati dal Governo Renzi per i docenti con tre anni di servizio e laureati con 24 CFU.

Lo conferma il nuovo Ministro Bussetti che ha parlato di rivisitazione delle regole. Questi concorsi che erano stati previsti dalla legge 107 ed erano stati voluti e pensati dal Ministro Fedeli con una apposita commissione che aveva già elaborato i regolamenti.

Come mai questo cambio d programma? Tutto dipende dalla volontà da parte del Governo giallo-verde di rivedere alcune regole, come ad esempio la ricognizione dei posti disponibili nel triennio al fine di avere un quadro realistico sulla distribuzione regione per regione.

In questo modo, secondo il nuovo Governo, potranno essere avviati concorsi nazionale gestiti dagli Uffici Scolastici Regionali ai quali sarà consentito partecipare solo se possiedi il domicilio professionale nella regione specifica.

In questo modo il bando sarà nazionale e il docente siciliano potrà partecipare ad es. in Lombardia, purché abbia scelto di individuare in quella regione il proprio domicilio professionale.

Il Governo ha anche in programma di adottare, per evitare la mobilità dei docenti del Sud emigrati a Nord per lavorare, la reintroduzione di un paletto temporale che vincoli il docente alla classe. Un vincolo che potrebbe consistere in 3 anni di continuità prima di poter chiedere mobilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • british school logo(19+ anni)
  • logo teens(11-19 anni)
  • kids logo (5-10 anni)
  • for school logo(formazione docenti)