FIT: 24 CFU dopo il concorso, servizio valido come tirocinio, 3 anni di servizio utili per il ruolo
1 dicembre 2017
Supplenti ATA III fascia, prorogati i contratti al 30 giugno o 31 agosto
6 dicembre 2017

Concorso dirigenti scolastici: previste almeno 40mila domande

Si comincia a delineare con precisione il percorso che porterà alla selezione dei 2.900 docenti da ammettere ai corsi di formazione del Miur per individuare i 2.425 nuovi dirigenti scolastici (compresi 9 posti di lingua slovena gestiti dall’USR Friuli) che verranno assegnati nel triennio 2018-19 / 2020-21: da un approfondimento del bando di concorso, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 90, svolto dalla rivista Tuttoscuola, risulta che attraverso la prova di preselezione verranno ammessi alla prova scritta non più di 8.700 candidati; successivamente, dopo il colloquio finale, “al corso di formazione/tirocinio, dopo l’orale, saranno ammessi soltanto 2.900 candidati; il 5% (145) di quei 2.900 candidati ammessi ha diritto di essere ammesso al corso di formazione con precedenza per effetto di ricorsi pendenti”.

La stessa rivista sottolinea che “nel caso in cui le domande di partecipazione al concorso fossero inferiori a 8.700, non si effettuerebbe la prova preselettiva e, conseguentemente, i tempi di massima sopra previsti potrebbero essere anticipati di due-tre mesi”. Si tratta, tuttavia, di un’eventualità davvero remota. A questo proposito, ricordiamo che nell’ottobre del 2011, in occasione dell’ultimo concorso a presidi, al Miur furono recapitate 42.158 domande: un numero che con ogni probabilità verrà superato. Sempre sette anni fa, tuttavia, solo 33.531 aspiranti presidi si presentarono alle prove preselettive, considerando anche che circa il 10% dei candidati (4.114) era risultato privo del titolo o del servizio richiesto dal bando.

Alcune centinaia di quei candidati inizialmente esclusi in modo illegittimo, benché laureati ed in possesso dei cinque anni di servizio minimo previsti ma non ancora immessi in ruolo, vinsero il ricorso e parteciparono ai test (con riserva, attraverso provvedimenti di sospensiva del TAR Lazio), con diversi tra loro che risultarono pure tra i 9.111 docenti ammessi alle prove scritte: oggi tre di essi sono dirigenti scolastici, con tanto di sentenza definitiva del Consiglio di Stato favorevole.

Anche in questa tornata selettiva il Ministero dell’Istruzione ha deciso di continuare a respingere le richieste di mettersi in gioco, nel concorso, da parte dei docenti precari in possesso di laurea, sempre con un quinquennio di supplenze alle spalle, dei neo-assunti e di tutti coloro che risultano nei ruoli dello Stato come docenti ma che per vari motivi non hanno ancora svolto l’anno di prova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • british school logo(19+ anni)
  • logo teens(11-19 anni)
  • kids logo (5-10 anni)
  • for school logo(formazione docenti)